Gclub Logo

GClub è la tua palestra a Vimercate!

Vieni a trovarci! ad aspettarti troverai sale fitness, piscina, spa e un beauty center per prenderti cura di te.

In forma, divertendosi!
Passione, professionalità e tecnologia GClub.

039 668461 Via Torri Bianche, 22 – Vimercate (MB) 20871 LUN – GIO: dalle 7.00 alle 23.00 VEN: dalle 7.00 alle 22.00 SAB – DOM: dalle 9.00 alle 18.00

Seguici sui nostri social

Ti piace allenarti a corpo libero? Ecco come fare! – Davide Marquis P.T.

Per l’allenamento a corpo libero si utilizzano esercizi e movimenti con o senza sovraccarico, evitando l’uso di macchinari.

Allenarsi a corpo libero non vuol dire per forza circuiti, salti e burpees ma racchiude una vastità di attrezzi, esercizi e discipline.
Calisthenics, Ginnastica Artistica, Anelli, Sandbag, Kettlebell, Clave, Stacco da terra, Squat, Piegamenti, Trazioni, Affondi e molto altro ancora.

L’ allenamento a corpo libero ha come finalità lo sviluppo globale di tutte le principali capacità condizionali, (forza, resistenza, velocità), le capacità coordinative (equilibrio, controllo motorio, agilità..) e migliorare la mobilità articolare.
Ha come altro punto di forza un maggiore dispendio energetico in quando si eseguono per lo più esercizi multi articolari.

Un problema che si può incontrare in questo tipo di allenamento, è quello di non riuscire a dare al corpo uno stimolo allenante sufficiente: se le fibre muscolari sono poco coinvolte l’allenamento risulta poco allenante, per questo diventa fondamentale programmare stimoli e frequenza di allenamento.
Per ovviare a questo punto debole consiglio di allenarsi in multi frequenza: gli stimoli allenanti sono ravvicinati, e il lavoro muscolare è via via superiore nel tempo, a causa di un maggior reclutamento motorio.

Un punto importante da tenere in considerazione è la difficoltà nell’aumentare il carico esterno; non sempre posso aggiungere un sovraccarico ma questo problema è superabile lavorando su altri fattori, come il recupero, le ripetizioni e il tempo di lavoro.
Si può, per esempio, ricercare il cedimento muscolare; ossia il punto in cui, durante una serie, si raggiunge l’incapacità di continuare ad eseguire la ripetizione.
In alternativa, si può lavorare aumentando il tempo sotto tensione a cui è sottoposto il muscolo, con movimenti più lenti e controllati.

Spero che questi consigli ti siamo stati utili, per qualsiasi informazione a riguardo non esitare a contattarmi.

Davide Marquis
Personal Trainer

d.marquis@gclubtorribianche.it

Cell: 340-4813951

davide.marquis